Olimpiadi spaziali
28 Giugno 2012

Niente sta fermo nello spazio. Per esempio, la maggior parte delle stelle sono corritrici di lunghe distanze, praticamente fanno la maratona nello spazio per l’intera durata della loro vita. Ma c’è una stella che gli astronomi hanno scoperto recentemente (lo sbuffo verde in questa nuova foto dello spazio) che è un fenomeno negli scatti.

Per calcolare la velocità di questa stella, gli astronomi devono capire quanta distanza ha percorso dall’inizio della sua corsa e quanto tempo ci ha messo. Gli astronomi ritengono che la stella abbia iniziato la sua corsa al centro della nuvola viola di gas e polvere mostrata nella foto. Infatti, si tratta di una stella speciale, che ruota molto velocemente e che gli astronomi chiamano pulsar, e questa pulsar è stata proiettata lontano dall’esplosione che ha creato la nuvola di gas e polvere.

Secondo i loro calcoli, gli astronomi pensano che la pulsar si stia muovendo a una velocità incredibile, fra i 9 e gli 11 milioni di chilometri all’ora! Potrebbe essere la pulsar più veloce mai scoperta! Anche se c’è una rivale in gara per il titolo, un’altra pulsar che era già nota agli astronomi e che si pensa abbia una velocità fra i 5 e i 10 chilometri all’ora.

È davvero un peccato che gli astronomi non possano far correre queste due pulsar, una accanto all’altra, in delle “Olimpiadi spaziali” per vedere chi vince. Invece, devono fare un sacco di calcoli e controllare nel dettaglio i loro risultati.

Curiosità

Se questa pulsar va davvero a 11 milioni di chilometri orari, potrebbe compiere un giro della Terra, attorno all’equatore, in 13 secondi!

This Space Scoop is based on a Press Release from Chandra X-ray Observatory.
Chandra X-ray Observatory

Lucia Morganti / UNAWE

Immagini
Versione Print Friendly
Più Space Scoop

Vuoi saperne di più?

Cos'è Space Scoop?

Un sacco di astronomia

Ispirare una nuova generazione di esploratori spaziali

Amici di Space Scoop

Contattaci

Questo sito web è realizzato grazie al finanziamento della Comunità Europea, con l'accordo n° 638653 del Programma Horizon 20202