Un ragno gigante!
10 Novembre 2011

Se hai paura dei ragni non preoccuparti: puoi continuare a leggere! Per fortuna, questa nuova fantastica immagine di una regione di formazione stellare chiamata Nebulosa Tarantola non contiene le linee luminose di gas che di solito ricordano le zampe di un ragno.

Invece la foto ci mostra una vista piuttosto insolita della Nebulosa Tarantola. Gli astronomi hanno dovuto mettere insieme le osservazioni fatte da due telescopi spaziali per creare questa foto, che ci fa vedere la radiazione X emessa dal gas caldissimo (le regioni blu, catturate dal telescopio a raggi X Chandra) e il gas più freddo che la circonda (le zone arancioni, osservate con il Telescopio Spaziale Spitzer).

La Nebulosa Tarantola è già grossa – la luce ci metterebbe 650 anni per attraversarla da un lato all’altro – ma si sta ingrandendo ancora di più! Gli astronomi hanno due teorie su ciò che causa la crescita della Tarantola: alcuni astronomi pensano che siano le esplosioni del gas caldo (mostrato in blu) a renderla più grossa, mentre altri pensano che sia la radiazione delle stelle massicce a far espandere il gas nella nebulosa. Per capire una volta per tutte cosa sta succedendo, gli astronomi hanno bisogno di dare un’altra occhiata a questa regione.

Quando osserveranno la Nebulosa Tarantola di nuovo, non lo faranno per dimostrare di aver ragione. Tutto quel che possono fare è guardare ciò che le osservazioni dicono – anche se questo significasse riconoscere che si erano sbagliati.

Curiosità

La Nebulosa Tarantola contiene la stella più pesante che conosciamo, con una massa più di 300 volte quella del Sole!

This Space Scoop is based on a Press Release from Chandra X-ray Observatory.
Chandra X-ray Observatory

Lucia Morganti / UNAWE

Immagini
Versione Print Friendly
Più Space Scoop

Vuoi saperne di più?

Cos'è Space Scoop?

Un sacco di astronomia

Ispirare una nuova generazione di esploratori spaziali

Amici di Space Scoop

Contattaci

Questo sito web è realizzato grazie al finanziamento della Comunità Europea, con l'accordo n° 638653 del Programma Horizon 20202