Le particelle fantasma? Mistero risolto: vengono dalle Blazar, le galassie fiammeggianti
26 Luglio 2018

Il Polo Sud è un ambiente decisamente avverso: è un deserto ghiacciato in cui la temperatura può raggiungere i -80 gradi centigradi. Eppure negli ultimi 8 anni molti scienziati sono affluiti qui, perché è uno dei posti migliori per provare a risolvere un grande mistero: che cosa spara verso la Terra fasci di particelle minuscole, quasi invisibili?

Sì, parliamo proprio di loro: dei neutrini. Queste particelle sono difficilissime da catturare. Pensate: ogni secondo miliardi di queste particelle fantasma passano attraverso il vostro corpo senza che ve ne accorgiate. Se puntate una torcia accesa contro un muro, illuminate il muro: la luce non lo attraversa. Ma se una torcia emettesse neutrini, risplenderebbe ben oltre il muro stesso!

E tuttavia, una volta ogni tanto, gli astronomi hanno una botta di fortuna e un neutrino viene catturato da un rivelatore. In questo caso, uno strumento sepolto in profondità sotto i ghiacci del Polo Sud.

Quando è successo, i computer che analizzano i dati raccolti dallo strumento sono stati in grado di definire molto rapidamente la direzione di provenienza del neutrino: certo, un po' alla buona, ma senza perdere tempo. Hanno quindi chiesto una mano a tutti i telescopi del mondo, indicando loro la zona di cielo dove cercare la sorgente cosmica di quel fascio di particelle.

E guardando nella direzione da cui era provenuto il neutrino, hanno scoperto una blazar che aveva iniziato a brillare tre volte più del solito. Una blazar? Ma sì: è un particolare tipo di galassia che ha al centro un buco nero supermassiccio, che si diverte a spezzettare la materia in pezzetti sempre più piccoli, che poi spara nello spazio, come una specie di cannone o di fucile a pallini. 

Ora, la probabilità che questi due eventi, cioè il passaggio del fascio di neutrini e l'aumento della luminosità di quella galassia, è molto bassa. Sembra quindi che si sia fatta un'altra straordinaria scoperta: un piccolo passo in avanti nella comprensione dell'universo!

Curiosità

La maggior parte dei neutrini attraversa i nostri rilevatori senza lasciar tracce. Se avessimo un rivelatore grande come un essere umano, be'... impiegherebbe 100 anni per raccogliere un singolo neutrino. O 100 000 anni per vedere un neutrino di altissima energia.

This Space Scoop is based on a Press Release from NAOJ.
NAOJ

Martina Tremenda (Stefano Sandrelli)

Immagini
Versione Print Friendly
Più Space Scoop

Vuoi saperne di più?

Cos'è Space Scoop?

Un sacco di astronomia

Ispirare una nuova generazione di esploratori spaziali

Amici di Space Scoop

Contattaci

Questo sito web è realizzato grazie al finanziamento della Comunità Europea, con l'accordo n° 638653 del Programma Horizon 20202