Foto con sorpresa
10 Gennaio 2013

Hai presente quando sei in posa davanti a un'attrazione turistica e qualcuno passa davanti alla macchina fotografica e rovina la foto? La stessa cosa è successa agli astronomi mentre fotografavano una galassia nana: un ammasso globulare è finito nel mezzo.

A differenza dei turisti finiti sulla foto, però, gli ammassi globulari possono essere molto interessanti! Un ammasso globulare è un gruppo di stelle vecchie che orbita attorno a una galassia. Al suo interno hanno luogo molti fenomeni strani, per esempio ci sono stelle vampire che succhiano materia dalle vicine. E ancora stelle molto piccole che ruotano velocissime su se stesse e fanno migliaia di giri in pochi secondi!

Quest'ammasso globulare, in particolare, è in orbita nella Via Lattea - la nostra galassia. Sebbene sia molto lontano da noi, è grande come la Luna nel cielo notturno. Per andare da un lato all'altro dell'ammasso globulare un raggio di luce impiegherebbe 120 anni, e siccome niente è più veloce della luce quest'ammasso dev'essere enorme! Infatti è uno degli ammassi più grandi e brillanti che conosciamo, ed è possibile osservarlo anche a occhio nudo. Si può vedere dall'emisfero meridionale, vicino alla Piccola Nube di Magellano - la galassia nana a cui gli astronomi volevano scattare la foto.

Gli astronomi sono stati proprio fortunati con questo ammasso globulare che è voluto entrare nella foto! Adesso potranno studiarlo in gran dettaglio, e magari capire come si formano questi strani miscugli di stelle.

Curiosità

L'ammasso globulare è pieno di oggetti che brillano nei raggi X, e cioè emettono quella radiazione che i dottori usano per vedere se ti sei rotto un braccio!

This Space Scoop is based on a Press Release from ESO.
ESO

Lucia Morganti / UNAWE

Immagini
Versione Print Friendly
Più Space Scoop

Vuoi saperne di più?

Cos'è Space Scoop?

Un sacco di astronomia

Ispirare una nuova generazione di esploratori spaziali

Amici di Space Scoop

Contattaci

Questo sito web è realizzato grazie al finanziamento della Comunità Europea, con l'accordo n° 638653 del Programma Horizon 20202